sunshine-blogger-award
In Festa

Sunshine Blogger Award: un piccolo grande traguardo per Tutto il Mondo è Paese! 🌍

Come preannunciato nei Social (Instagram e Facebook) il mese di giugno è stato per Tutto il Mondo è Paese un mese pieno di novità: la nuova grafica del sito è stata svelata e con essa anche il nuovo articolo su Matera.

Anche a luglio si respira già aria di cambiamenti: malgrado il caldo torrido, fresche idee stanno per sbocciare. La motivazione non manca e a darmi ancor più la carica è un regalo inaspettato e graditissimo fattomi dalla travel blogger community. Lo avrete intuito già dal titolo, è proprio lui, il Sunshine Blogger Award!

Cos è il Sunshine Blogger Award?

sunshine-blogger-award

 

Il Sunshine Blogger Award non è altro che un riconoscimento virtuale assegnato da un membro della community ai blogger emergenti con il fine di dar loro visibilità, promuovere il passaparola e naturalmente premiarne il lavoro. A venir scelti sono infatti i blog più apprezzati perché capaci di comunicare creatività, positività e passione. Saper di essere ritenuto un blog “degno di nota” non fa che riempirmi di gioia e darmi ancor più spinta a migliorarmi. Questo premio rappresenta per me una grande soddisfazione e perché no un buon augurio, ancor più perché a conferirlo sono stati una coppia di travel blogger che nel corso di pochissimo tempo ha raggiunto dei bellissimi traguardi. Se siete amanti degli States proprio come loro vi consiglio fortemente di dare un’occhiata al loro fantastico blog www.usalavaligia.com; qui troverete esperienze di viaggio, consigli utili e tante altre curiosità sul mondo statunitense!

Quali sono le regole del Sunshine Blogger Award?

Come in ogni nomination che si rispetti ci sono delle piccole e semplici regole da rispettare:

  1. Ringraziare il blogger che ti ha nominato citando anche il link del suo blog nel post dedicato al Sunshine Blogger Award
  2. Rispondere alle domande che il blogger ti ha posto
  3. scegliere dai 5 ai 10 blogger da nominare a tua volta
  4. preparare delle domande da porre ai blogger da te prescelti (da 10 a 15)
  5. elencare le regole e mostrare il logo del Sunshine Blogger Award nel tuo sito

E’ arrivato ora il momento di rispondere alle domande di @usalavaligia, partiamo!

Le risposte

1 Perché avete iniziato a scrivere il blog?

Strano ma vero, inizialmente é nato tutto per un esame universitario. Da lì ho riscoperto una passione che avevo lasciato assopita, la scrittura, e con essa ho iniziato a raccontare di ciò che mi interessava di più: l’interculturalità, con l’obiettivo di promuoverla e di tramettere la mia passione per le lingue, l’internazionalità e i viaggi. Per chi é curioso di saperne di più lascio linkata la pagina del blog dove spiego tutto nei dettagli 🙂

2 Quale è la città in cui avete lasciato il cuore e quale vi ha più deluso e perché?

Il mio cuore l’ho lasciato a Roma, la mia casa. Malgrado i tanti viaggi, lei rimane per me la più bella di tutte. Lì c’è la mia famiglia, la mia gente. In quell’atmosfera mi esprimo sempre al 100%. Come si dice “Home is where your heart is”.

Mi dispiace dirlo ma da Berlino mi aspettavo di più. La capitale tedesca non mi ha entusiasmato a dire la verità, ma le voglio dare un’altra possibilità a tutti i costi e viverla meno da turista e più da insider, sono sicura che la prossima volta la apprezzerò di più. Penso poi che non sia stata colpa della città in sè, ma durante il viaggio sono accaduti degli spiacevoli imprevisti, uno dopo l’altro, é questo ha sicuramente influenzato negativamente la mia visione.

3 Avete un aneddoto divertente che è accaduto durante i vostri viaggi?

Potrei raccontare di quando nel bel mezzo del Tiergarten a Berlino vidi un gruppo du nudisti spaparanzati tranquillamente sull’erba, o di quando incontrammo in un viaggio in treno, di ritorno da Verona, un gruppo di ragazzi intenti a fare numeri di magia per intrattenere i passeggeri. A noi ci regalarono un dollaro tirato fuori dal cappello.

4 Cosa non deve assolutamente mancare in tutti i vostri viaggi?

Una macchina fotografica. Adoro creare ricordi e fermare momenti. Da un punto di vista più “astratto” direi invece un’ottima compagnia, che credo ancor più importante di qualsiasi oggetto. Viaggiare con delle persone con cui poter condividere esperienze e momenti (sia belli che brutti) é il miglior modo per rendere un viaggio degno di questo nome.

5 Quali sono le vostre paranoie pre-partenza?

Mi duole dirlo ma ahimè sono una di quelle persone che si nausea molto facilmente durante un viaggio, sia in macchina, aereo, nave o traghetto. A volte consapevole di questo mi é capitato di somatizzare la paranoia a tal punto da sentire la nausea la mattina ancor prima di partire. Devo dire però che viaggiando spesso tra Roma e Vienna questa cosa si é di molto attenuata.

6 Avete mai incontrato persone in viaggio con le quali siete rimasti in contatto?

Sì quando sono stata in Brasile ho frequentato un corso di lingua portoghese e sono rimasta in contatto con alcuni insegnanti e qualche compagno di corso.

7 Avete mai avuto problemi con la lingua?

Fortunatamente no, questo é uno dei vantaggi di una neo-laureata in interpretariato e traduzione eheh.

8 Vi siete mai dimenticati di qualcosa di essenziale?

Ringraziando il cielo finora non ho mai dimenticato niente di cui non potevo fare a meno e non potevo ricomprare poi nel paese di destinazione. Chiavi, portafogli, passaporti e documenti sono rimasti fortunatamente sempre al mio fianco.

9 Quale è stato il viaggio più costoso e quale quello più economico?

Il viaggio più costoso è stato senza dubbio quello in Brasile, data la distanza. Quello più economico forse è stato a Barcellona, io e le mie amiche avevamo trovato delle offerte vantaggiose volo+hotel. Anche Bratislava è stata una meta economica dato che viaggiando da Vienna (città in cui vivo attualmente) in un’ora di treno ero già lì.

10  Avete mai avuto disavventure durante il tragitto per raggiungere la vostra destinazione?

Assolutamente sì. Ricordo perfettamente che da Salisburgo dovevo raggiungere l’aeroporto di Monaco. Ero partita con largo anticipo e per poco non ho rischiato di non imbarcare la mia valigia e perdere il volo. Mi stavano già chiamando all’altoparlante quando arrivai al gate trafelata e col il cuore in gola. La causa? Il treno da Salisburgo a Monaco aveva un’ora e mezza di ritardo e per di più proprio durante il viaggio a causa di un incidente il treno aveva cambiato tragitto fermandosi quindi alla stazione centrale anziché alla stazione est. Inutile dire le corse che ho fatto per trovare un altro collegamento che mi portasse all’aeroporto da una stazione dove non ero mai scesa. Ma alla fine, come si dice, tutto è bene quel finisce bene!

11 C’è un “errore” che dite di non voler fare più ogni volta che tornate da un viaggio e invece ripetete sistematicamente?

A dir il vero riflettendoci non mi viene in mente niente in particolare, ormai essendo abituata a ed essere sempre in giro tra aeroporti e stazioni faccio quasi tutto automaticamente.

12 Vi è mai capitato di viaggiare con la comitiva sbagliata?

A dire il vero no. Nei miei viaggi più lunghi tuttavia ho incontrato qualche compagno di viaggio che non conoscevo appieno e con cui ho riscontrato differenze caratteriali. A volte è difficile adattare le esigenze di più persone all’interno di una comitiva. Penso infatti che la soluzione sia lo sforzo da parte di ciascuno del gruppo di venir incontro all’altro senza far prevalere a forza solo il proprio punto di vista. Più facile a dirsi che a farsi, ma il tutto fila liscia come l’olio se si sa scegliere la compagnia giusta.

Le mie domande

Ed ora è arrivato il mio turno, nomino fede_lostinwanderlust , pietrolley,  auncucchiainodalmondo, costanza_s,  preparalavaligia.it, immaginaviaggiare, bimbiviaggiatori, nonsoloviaggimentali, viaggiolando, iviaggidigrace

Queste sono le domande che ho scelto per voi!

1 Qual è la filosofia o l’obiettivo del vostro blog?

2 Qual è il paese a cui vi sentite più legati?

3 Qual è stato il viaggio più lungo che avete fatto in termini di tempo?

4 E quello più distante da casa?

5 Qual è la cosa che avete apprezzato di più nella cultura di un paese diverso dal vostro e che per questo vorreste “importare” anche da voi ? (può essere un cibo, una particolare tradizione, un modo di fare, un genere musicale ecc.)

6 Siete curiosi di assaggiare cibi nuovi quando vi trovate all’estero o preferite “giocare in casa”?

7 Qual è il viaggio che vi è rimasto nel cuore e vi ha insegnato di più?

8 Amate viaggiare da soli o in compagnia?

9 Qual è la disavventura maggiore che vi è capitata in viaggio?

10 Quale destinazione manca nella vostra lista e volete visitare il prima possibile?

11 Se ne aveste la possibilità, quale città o regione italiana vorreste promuovere a livello turistico e perchè?

12 Compri dei souvenir quando sei in viaggio? Se sì cosa cerchi principalmente? Io ad esempio cerco sempre oggettini e magneti fatti a mano o quadretti realizzati dalle persone del luogo.

Sono curiosa di vedere le vostre risposte!

Facebooklinkedinmail